Imperativo categorico: ARGINARLI !!!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Imperativo categorico: ARGINARLI !!!

Messaggio  Ignazio Puglisi il Sab 15 Gen - 17:01

Imperativo categorico: ARGINARLI !!!
Fanno male a loro stessi e questo passi.
Ma è intollerabile che le infelici scelte dei Nostri Amministratori si ripercuotano sulle fasce più deboli della nostra società, già martoriata da una crisi economica senza precedenti, per intensità e durata.
Per questo abbiamo proposto la seguente modifica al regolamento TARSU, che verrà presto esaminata dal Consiglio comunale.
Almeno si spera.

GRUPPO CONSILIARE
“RIPENSARE PIEDIMONTE”



EGR. SIG.
DOTT. MAURIZIO CASALE
SEGRETARIO COMUNALE
- SEDE -



EGR. SIG.
DOTT. GIOVA NNI TESTA
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
- SEDE -




EGR. SIG.
GEOM. GIUSEPPE PIDOTO
SINDACO PRO – TEMPORE
- SEDE -




Oggetto: TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI – PROPOSTA DI MODIFICA DELL’ARTICOLO 15 DEL REGOLAMENTO COMUNALE – AVVIO ITER DI APPROVAZIONE - RICHIESTA CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE

Vista la delibera del Consiglio comunale n. 26 del 28.4.1995, con la quale è stato approvato "Regolamento per l'applicazione della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni”;
Vista la delibera del Consiglio comunale n. 7 del 11 maggio 2010, con la quale è stato modificato l’art. 15 del detto Regolamento;
Visto l’articolo 5 dello Statuto comunale;
Visto il D. Lgs 507/1993;
Considerato che l’articolo del quale si propone la modifica stabilisce l’esenzione dal tributo per le persone invalide al 100%;
Considerato che tale norma è stata applicata unicamente ai soggetti titolari passivi del tributo, mentre sono stati esclusi dalla agevolazione i nuclei familiari di cui faccia parte un soggetto totalmente invalido, qualora il rapporto tributario intercorra con un altro membro della famiglia stessa.
Ritenuto che appare evidente come tale soluzione crei un vuoto normativo, lasciando prive di disciplina situazioni certamente meritevoli di considerazione e supporto, che si differenziano da quelle normate prevalentemente sotto il profilo formale, creando una disparità che è emersa in sede di applicazione della norma;
Ritenuto che l’attuale formulazione non consente di perseguire la finalità di sostegno dei soggetti svantaggiati, anche attraverso un aiuto alle famiglie di cui fanno parte;
Ritenuto che nel riconoscere le agevolazioni proposte, che si traducono in misure di sostegno economico, è opportuno tenere conto della situazione patrimoniale complessiva della famiglia;
Considerato che appare, inoltre, opportuna la modifica del comma 2° dell’articolo 15 del Regolamento TARSU, al fine di sancirne definitivamente la reale portata, escludendone una applicazione contraria alla volontà consiliare. Infatti, tale disposizione deve essere intesa come divieto di cumulo di agevolazioni e riduzioni relative al tributo in parola, previste per particolari condizioni d’uso dell’immobile ovvero per condizioni soggettive del contribuente, come ad esempio quelle di cui all’articolo 13 del regolamento;
Considerato che il vigente regolamento non prevede alcuna forma di agevolazione per i soggetti anziani che producono, per ovvie ragioni, una limitata quantità di rifiuti;
Considerato, infine, che è necessario prevedere per l’anno 2011 una proroga del termine di presentazione delle richieste di agevolazione, non inferiore a trenta giorni dalla data di approvazione della proposta modifica, con avviso alla cittadinanza a mezzo di affissione di manifesti.
Tutto ciò premesso e considerato, i sottoscritti consiglieri comunali facenti parte del Gruppo "Ripensare Piedimonte"
chiedono
Che il Presidente del Consiglio convochi il Consiglio comunale immediatamente dopo l’espletamento degli adempimenti di cui all’art. 5 dello Statuto comunale, stante l’urgenza di intervenire in tempi compatibili con la predisposizione del Bilancio di previsione 2011, inserendo all’ordine del giorno i seguenti argomenti:
1) “Modifica dell’art. 15 del Regolamento per l'applicazione della Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani interni, nei seguenti termini
Articolo 15 (Testo previgente)
“ Per i nuclei familiari che versano in condizioni indigenti con un reddito complessivo (ISEE) non superiore ad €. 7.500,00 la tassazione è ridotta del 50% esclusivamente per l’unità immobiliare abitata, su domanda da presentarsi a cura dell’interessato ogni anno entro il 20 gennaio su apposito modello predisposto dall’ufficio.
Tale agevolazione non è cumulabile con altre misure di sostegno.
Tutte le persone invalide al 100% su domanda da presentare a cura dell’interessato ogni anno entro il 20 gennaio su apposito modello predisposto dall’ufficio hanno titolo di essere esentati dalla tassazione esclusivamente per l’unità immobiliare abitata”.
Articolo 15 (Nuovo testo)
“ Per i nuclei familiari che versano in condizioni indigenti con un reddito complessivo (ISEE) non superiore ad €. 7.500,00 la tassazione è ridotta del 50% esclusivamente per l’unità immobiliare abitata.
Tale agevolazione non è cumulabile con altri tipi di agevolazioni e/o riduzioni previste dal presente regolamento.
Le persone invalide al 100% hanno titolo di essere esentati dalla tassazione esclusivamente per l’unità immobiliare abitata.
Per i nuclei familiari al cui interno è presente una persona invalida al 100% la tassazione è ridotta nella misura percentuale appresso indicata, in rapporto alle seguenti fasce di reddito calcolato ai fini ISEE:
• prima fascia: euro 0 - 7.500,00 = 100%
• seconda fascia:euro 7501,00 - 15.000,00 = 75%
• terza fascia: euro 15.001 - 17.500 = 50%
• quarta fascia: euro 17.501 - 24.000 = 25%.
Per i nuclei familiari composti da ultrasettantacinquenni la tassazione è ridotta del 50% esclusivamente per l’unità immobiliare abitata.
Le descritte agevolazioni devono essere richieste ogni anno entro il 20 gennaio, mediante l’utilizzo di apposito modello predisposto dall’ufficio”.
Si invita il Presidente del Consiglio a volere corredare la presente proposta di tutti gli eventuali necessari pareri.
Si invita, inoltre, il Segretario comunale a volere effettuare gli adempimenti di cui all’articolo 5 dello Statuto comunale con la massima sollecitudine.
Piedimonte Etneo, 3 gennaio 2011
Ignazio Puglisi

Ignazio Puglisi
membro

Numero di messaggi : 114
Data d'iscrizione : 05.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum