2013 Tavola rotonda presentazione XVI Festa della Vendemmia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

2013 Tavola rotonda presentazione XVI Festa della Vendemmia

Messaggio  Admin il Mar 24 Set - 14:39

Riceviamo dal Concittadino Pippo Pagano, il testo del suo intervento nella tavola rotonda di presentazione della XVI° festa della Vendemmia tenutasi a Presa.
Come sempre Pippo è attento e propositivo nei suoi interventi, perchè profondo conoscitore del territorio e delle genti piedimontesi.
Pubblichiamo volentieri il suo 'intervento.

XVI.a Festa della vendemmia- tavola Rotonda di presentazione-
Presa 22 Settembre 2013
Nella sala “delegazione comunale” di Presa, gremita di presenti, si è tenuta la tavola rotonda sull’evento in questione avente per tema : Territorio-Identità e Sviluppo.
Dopo i saluti e l’introduzione del Sindaco, Avv. Ignazio Cassaniti e dell’Assessore Angelo Valastro, col coordinamento del giornalista Francesco Vasta, sono intervenuti con i loro specifici e ricchi interventi, i seguenti relatori: Dott. Mario Bevacqua Vicepresidente Mondiale UFTAA, Dott.Cocetto Bellia del GAL Terre dell’Etna e dell’Alcantara, Prof. Paolo Sessa Fondatore della rivista “ Etna Territorio “, il concittadino Pippo Pagano, in qualità di Imprenditore.
Conferenza Stampa di apertura festa della vendemmia 2013- Presa 22 Settembre ore 11-
Territorio- Identità – Sviluppo
TERRITORIO
Il nostro Territorio esprime un grande PATRIMONIO CULTURALE, in tutte le sue forme da quello storico artistico, paesaggistico, naturali, a quello delle tradizioni, del folklore,dell’ arte, dell’agricoltura, dell’artigianato , dell’enogastronomia.
La Sicilia possiede ben 6 siti UNESCO su 49, ( mentre altri due sono in attesa di riconoscimento, e tra questi quello di Taormina Isola Bella.)
Il Vulcano Etna, Dichiarato ora “Patrimonio dell’Unesco”, con le sue molteplici peculiarità, qualifica il nostro territorio che è uno dei più belli al mondo. E Noi Siciliani dobbiamo essere coscienti di tutto ciò, dobbiamo amarlo, promuoverlo, custodirlo e…renderlo fruibile in sicurezza , armonia e sviluppo.
Piedimonte ha in questo bellissimo contesto la Sua UNICA ed invidiabile collocazione strategica che lo fa considerare tra i più belli della Zona Etnea :
1°)-Per posizione geografica- vicinanza al mare e parte integrante della montagna- armonia del suo territorio che alterna grandi spiazzi piani e bellissimi “ degradi “ con vedute paesaggistiche mozzafiato, varietà e ricchezza della sua Agricoltura- dagli agrumi al vino, alla grande varietà di frutta, alle Mele dell’Etna, all’Olio e per ultimo, ma non meno importante, al settore “florovivaistico”.
2°)- Per la sua “accattivante” edilizia “rurale” ad indicare un recente passato ricco di tradizione- di cultura e di sviluppo espressi sia nel centro del nostro Comune di Piedimonte e, soprattutto, nelle bellissime frazioni gioiello di Presa- Vena e San Gerardo .
3°)- Per la sua indiscussa vocazione turistica-residenziale-relazionale, capace di fare scoprire ed utilizzare la peculiarità del nostro patrimonio paesaggistico-storico-folkloristico-enogastronomico e soprattutto di UMANITA’.










IDENTITA’
Senza volere sviluppare complessi ragionamenti , credo di potere sostenere che in sintesi l’Arte,la Cultura, le Tradizioni,i Valori Sociali, Il Folklore ed il Territorio, sono importanti elementi qualificanti della nostra Identità Singola e Comunitaria .
In tempi recenti, ed ancora oggi, la nostra Comunità si è identificata col proprio territorio, che ha controllato prendendosene cura attraverso una florida agricoltura e l’attuazione di tradizioni,di arti e mestieri che, nel passato, remoto e prossimo,l’hanno fatta progredire creando sviluppo e ricchezza (Produzione di Vino,Olio, Agrumi, Legno-Pietra e relativi commerci ).
I’ultimo periodo bellico, la conseguente crisi economica e la massiccia emigrazione, hanno determinato però un rallentamento dello sviluppo ed un minore interesse per i settori produttivi tradizionali, anche per il venire meno di gran parte della forza produttiva dei giovani che emigrarono.
Tuttavia, la caratteristica primaria della nostra comunità a vocazione agricola, che nella coltivazione della vite in particolare , ha trovato la propria espressione e realizzazione, si è confermata fino ai nostri giorni,nei quali per’altro a mio avviso,sono ora presenti, segni di significativo risveglio ed interesse. Con un aspetto nuovo ed interessante in più, rispetto al passato, quello della vinificazione e commercializzazione del prodotto, con ricaduta sullo sviluppo economico dei singoli imprenditori e della comunità, ai quali non può non andare il nostro augurio di maggiori futuri sviluppi ed affermazioni.
E’ in questo scenario “ Identitario” che la SEDICESIMA edizione della “ festa della vendemmia” presentata oggi alla Comunità , cui ha voluto pensare l’attuale nuova Amministrazione capeggiata dall’amico Avvocato Ignazio Puglisi,va collocata. E cioè:
1°) Forte richiamo della nostra tradizione Identitaria agricola di coltivazione della vite e di produzione del vino, nel nostro Territorio.
2°) Riconoscere il ruolo determinante che la bellissima Frazione di Presa – e Vena – hanno avuto ed hanno per la “ civiltà della vite Etnea” -.
3°) Valorizzare il nuovo corso espresso dalle Importanti Aziende Vinicole del Territorio di Presa









Sviluppo:
Per chi come me è un po’ abituato ad interessarsi di “ Economia “ , ama il proprio Paese e vede le cose con un occhio attento allo sviluppo Socio-Economico della Comunità, i fondamentali che si presentano sotto l’osservazione, per un positivo piano di sviluppo del nostro territorio e la nostra collettività sono fortemente contraddittori.
Le principali ragioni risiedono:
In un quadro politico fortemente instabile e che da diversi lustri è stato, nella migliore delle ipotesi, disattento ad una programmazione socio-economica, ad una politica del territorio, ad una gestione delle infrastrutture, dei servizi, della sicurezza, della burocrazia .
In un quadro Socio-Economico fortemente influenzato da un processo irreversibile di Globalizzazione, che vede la nostra comunità impreparata -od in forte ritardo- nell’utilizzo delle risorse Informatiche di normale gestione , situazione questa che inevitabilmente, ci pone fuori..concorrenza nella gestione di taluni fatti importanti per la nostra economia.
Nella incapacità della “Classe politica/Burocratica” Nazionale-Regionale a valutare l’enorme impatto negativo dell’alto tasso di disoccupazione giovanile nella nostra Comunità e a coordinare in sede locale adeguati progetti per l’utilizzo delle enormi risorse messe nel passato a disposizione dalla CEE.

Ciononostante, sono moderatamente ottimista e penso che una ipotesi di sviluppo socio-economico della nostra Comunità, nella quale credo fortemente, possa svilupparsi attraverso le seguenti principali azioni:
1° - La preparazione “ intelligente e lungimirante” di un nuovo P.R che tenga conto della “ Indiscussa” vocazione Turistico-residenziale-relazionale, del nostro Territorio ( Centro-Frazioni-ambiente rurale-)
2° -Ipotizzare per il futuro un nuovo “ Modulo” di “ Festa della Vendemmia “ che proseguendo in una continua azione innovativa dei contenuti, la arricchisca di eventi specifici quali Fiere di Settore vitivinicolo, enogastronomico, ciclo di conferenze specifiche su : vinificazione-commercializzazione etc etc e scambi settoriali –culturali Nazionali ed Internazionali
3°- Sviluppo di un progetto da presentare in sede CEE per la ripresa, il rifacimento,( e la eventuale creazione) dei percorsi rurali-sentieri- stradine esistenti nell’intero territorio dei Comuni Etnei sottomenzionati, allo scopo di rendere tale territorio fruibile in sicurezza e armonia sia da un punto di vista turistico che da un punto di vista rurale di cura e sviluppo cioè di quelle culture specifiche altrimenti destinate col tempo a scomparire: Nocciole, Castagne, Pere , Mele etc.
I Comuni del Territorio Pedemontano “ Nord “ coinvolti sarebbero: Milo-S.Alfio-Piedimonte-Linguaglossa-Castiglione- Randazzo –Maniace-Maletto oltre a tutte le Istituzioni e Associazioni che a vario titolo presiedono, influenzano e/o lavorano nel territorio compreso tra i suddetti Comuni e L’Etna.
( Una previsione di € 100/150 MLN determinerebbe lavoro per 1000 persone – (operai – geom- ing –altre ) per non meno di tre anni e una ricaduta economica positiva considerevole, nel territorio )


Admin
Admin

Numero di messaggi : 374
Data d'iscrizione : 16.11.07

Vedere il profilo dell'utente http://protagonisti.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum