Salvatore Rapisarda ci ha lasciati

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Salvatore Rapisarda ci ha lasciati

Messaggio  Admin il Gio 5 Lug - 13:55

Il nostro concittadino Salvatore Rapisarda, ha chiuso la sua vicenda terrena. Viveva lontano dalla Sua Piedimonte, ma non aveva mai smesso d'amarla.
Ritornava, appena poteva, al paese natio, per incontrare gli amici, per rivedere le cose, per "respirare" Piedimonte.
Si godeva le fresche serate passeggiando lungo il Corso, sorridendo e chiacchierando con chiunque.
Salvatore, uomo di grande cultura, faceva della disponibilità e della cortesia i mezzi per raggiungere il cuore di chiunque lo conoscesse.
Cittadini Protagonisti vuole ricordarlo con la semplicità della sua poesia, pari alla semplicità del suo essere.
Questa poesia dedicata alla sua città, riassumendo tutta la lunga vita di Salvatore, inizia con un desiderio espresso. Un auspicio che, ancorchè irrealizzabile, dà il senso del suo amore per Piedimonte.
Mario Settineri

SI NASCIRI PUTISSI N'AUTRATTONNA....

Si nasciri putissi n'autrattonna,
vulissi nasciri cca, a Piamunti,
pi viviri precisi i stissi ionna,
e senza scuzzaturi e senza scunti.

U patri e a matri ca mi desi Ddiu
vulissi i stissi frati e a stissa soru,
e ddi cumpagni du passatu miu,
da carusanza povira ma d'oru.

A stissa donna vulissi spusari
pi essiri patri di ddi stissi figghi,
pu stissu modu putilli 'ddivari
cu nenti smorfi e nenti maravigghi.

U battiu vulissi a Chesa ranni
ca è pi mmia a cchiù bella cattitrali,
unni a missa s'ascutanu i mo nanni
e mai piddeunu na Notti 'i Natali,

e unni a Pasqua bruvisceva u Signuri
arretu l'altaru, splinnenti e luriusu
e ca sciugghieva o piddunu e all'amuri
u cori di l'anzianu e du carusu.

Iucari o stuffu vulissi comu tannu
o Chianu San Micheli o du Cummentu
e annari pi caampagni ciddiannu
senza scantu du suli, friddu o ventu:

Ddanzu, Valanchi, e puru Fulariu,
Castagni, Bboscu, Spezzi, Figghiarinu,
Pafumi, Castiddaci, Parafuliu...:
non c'era stacca e non c'era cunfinu.

E vulissi iri o mari di Cuttuni,
a ppedi, chi cumpagni spinzirati,
cuppuru ca di patri era a mmucciuni:
tunnaumu cu sdillampu e llucirnati.

Vulissi annari o Vadduni, a Ddifisa
e nto sciddicaloru sciddicari,
poi senza causi, quasetti e cammisa;
buddarimi nta ll'urna comu a mari,

Du campeggiu a Muntagna ancora sentu
u sciauru di resina i zappinu,
di nipitedda, inestra, erba i ventu...,
e mi rrioddu ddu santu parrinu,

Patri Patursu, ca comu n carusu,
si ddivitteva cu niautri deci;
iucava sì, ma era n omu di pusu:
ddi canti, prieri e iochi d'ogni speci...

E comu tannu, cinquant'anni arreri,
mi piacissi iucari o palluni;
o campu, o Chianu a Furca, a putteri
e cascari supra petri e cuticchiuni.

Facissi ancora migghiara di passi,
llimannu tutti i basuli di strati
(ma pi furtuna non paiamu tassi!...).
I fimmineddi nte casi ammucciati;

sulu niscennu pu Giru e pa Missa,
tutti mpupati, ca vesti a cavigghia,
l'ura era a solita, a strata era a stissa:
canti, rrusari e di cursa n famigghia.
.
Stari vulissi ne siri di stati,
nte sidili pi diri e pi scutari
i barzilletti lordi e i papalati
nsinu ca u suli stava pi spuntari.

Benioti cc'era Neddu Puddicina
ca si calava a palori i parrini,
ma poi a Natali, a Pasqua e pa Bammina
cci mannava guanteri e biglittini...

I stissi amici vulissi comu tannu
(ma vuiatri, amici, vulissuru a mmia
da nostra carusanza ccuminciannu
pi fari n pezzi i vita n cumpagnia?).

Bellu fussi tunnari a carusanza,
quannu si scherza, si ioca e si canta
puru si sbacantata avemu a panza
spissu cu n paru i causi e na tiranta.

A festa i Sant'Ignazziu ma rioddu;
carusi e ranni faceva cuntenti,
na sacchetta natava cocca soddu
pa calia e pu n gilatu e cchiù pi nenti.

A cussa di cavaddi c'era tannu
da chiazza finu a Porta San Fratellu,
fuevunu comu u ventu galuppannu:
pi dd'ebbichi spittaculu assai bellu.

Da Nuvena i Natali i matinati?
Fora e nta chesa u friddu si tagghiava...
Bastianu non sinteva cannunati
e finu e deci nto lettu runfava.

Quant'era bella a festa da Bbammina
ca mercaiaddu, a ntinna e, ncima u ciccu,
n cunigghiu, n pani, pennuli i raggina
e n paccu i pasta e n piscistoccu siccu...

Piamunti, però n gnornu ti lassai.
Ora pi tannu vogghiu u to pirdunu,
ma u corpu e non u cori mi purtai:
paisi comu a ttia non cci nni sunu!

Iù vogghiu bbeni daveru assaiuni
ogni to strata, vanidduzza e chianu,
ogni cuntrata, campagna e vadduni,
ma cchiù i to figghi c'anuri ti fanu!

Si staiu a Piamunti non mi pari veru:
mi sentu forti, mi sentu n giganti,
mi sentu u re di l'universu interu
e celu e suli ne viu distanti.

Mi piaci diri ca du mo paisi
iù na partutu mai veramenti:
a statu e sugnu sempri piamuntisi,
comu i mo frati, i mo amici, i parenti...
Fasano, luglio 2008
Salvatore Rapisarda

Admin
Admin

Numero di messaggi : 374
Data d'iscrizione : 16.11.07

Vedi il profilo dell'utente http://protagonisti.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum