«Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

«Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  Sammyblog il Mer 25 Mag - 0:01

Legalità sarà anche rispetto delle regole e delle
persone. Che male potrebbe fare una persona
anziana che si diletta a fotografare le auto in sosta
vietata? Il maggior pericolo potrebbe essere
quello di pubblicarle sui social network e di mostrare
un latente senso di inciviltà nel rispetto
delle regole. Non la pensano, evidentemente, in
ugual modo un gruppo di esercenti di Piedimonte
Etneo, che hanno aggredito verbalmente un
pensionato 74 enne, minacciandolo in modo acceso,
presi dai fuochi dell’ira. Una banale fotografia
poteva o potrebbe finire in tragedia?? In quale
sfracello sociale stiamo andando a piombare?
Sarà colpa della televisione? O forse sarà colpa
delle istituzioni che non vigilano a sufficienza?
Eccessivo chiedere che vengano rispettate le regole
del codice della strada e in tutta risposta beccarsi
dello “sbirro” oppure essere accentuato per
“spione”? E con a seguito una serie di situazioni
disdicevoli da rendere imbarazzante e tragicomico
l’accaduto, il quale denota un pressante decadimento
dell’etica e un inabissamento di educazione
che potrebbe scatenare conseguenze collaterali
per frivoli motivi. In tal senso non esiste
scusa alcuna da parte degli esercenti, che giustificano
l’accaduto come un probabile fenomeno
che può nuocere ai loro affari. Sarà normale credere
che se qualcuno fa “notare” e immortala la
sosta vietata o quella non autorizzata, ciò potrebbe
addirittura inibire i potenziali clienti, ma
chiaramente da qui a un atteggiamento intimidatorio
e provocatorio intercorre molto spazio. Un
cittadino che denuncia e vuole rispetto delle regole
è un cittadino “problematico”, o meglio ancora
“stranu”, solo perché richiede legalità. Dovrà
fare i conti con minacce, con aggressioni verbali
e qualche volta anche fisiche. Pensateci bene prima
di schierarvi da parte della legalità, è un percorso
veramente complicato.
CONCETTO BARONE
LA SICILIA
CATANIA
LUNEDÌ 23 MAGGIO 2011

Sammyblog
membro

Numero di messaggi : 275
Età : 80
Localizzazione : Piedimonte Etneo
Data d'iscrizione : 14.02.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: «Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  zappeddu i campagna il Ven 27 Mag - 1:13

Per prima cosa vorrei dire che è sbagliata qualsiasi tipo di aggressione o minaccia (sia verbale che fisica). Poi volevo aggiungere che mi è alquanto dispiaciuto leggere un cosa del genere sul più importante quotidiano della nostra zona, in quanto l'ho interpretato anche come una certa cattiva pubblicità. Sul fatto specifico volevo solamente aggiungere, in parziale difesa dei "cattivi", che questi non si sono lamentati per le foto delle auto in sosta, ma perchè insieme alle auto in sosta finiscono nel mirino della macchina fotografica (credo e soprattutto spero inconsapevolmente) anche persone, le quali non sono molto contente di vedersi pubblicare su internet in generale e su facebook nello specifico.

Colpa della televisione??? Credo di no. Direi più che altro colpa del cattivo utilizzo che oggi si fa di internet e della voglia che abbiamo di pubblicare qualsiasi cosa succeda nel mondo sui vari social network, nella speranza di metterci sempre più in evidenza di fronte agli altri, senza preoccuparci che questa nostra pubblicità possa arrecare danno ad altre persone.

zappeddu i campagna
membro

Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 27.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Sammy rispetta la privacy

Messaggio  Sammyblog il Ven 27 Mag - 1:35

Caro Amico,,Tutte le foto scattate da Sammy in riguardo i posteggiatori abusivi non c'è la presenza di nessuna persona..Le foto sono delle auto con la targa cancellata..Queste foto sono per ottenere la sensibilità da fare rispettare il codice della strada..E per avere un libero accesso alle strisci pedonali per i pedoni....Ripeto Sammy non scatta foto delle persone..Perchè Sammy rispetta la privacy d'ogni individuo...Non facciamo di tutta un erba un fascio..

Sammy, from Sicily

Sammyblog
membro

Numero di messaggi : 275
Età : 80
Localizzazione : Piedimonte Etneo
Data d'iscrizione : 14.02.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Dalla ragione al torto

Messaggio  Admin il Ven 27 Mag - 9:39

Abbiamo ricevuto una mail da Sammyblog, nella quale è riportato un intervento a firma del sig. Giorgio Balestrini sul tema del post. La pubblichiamo per completezza d'informazione.

«A proposito di legalità»Ho letto con molta attenzione la lettera pubblicatail giorno 23 maggio dal titolo "Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione", in quanto essa contiene svariati punti che meriterebbero tutti un approfondimento. Mi limiterò a quello che a mio avviso è di gran lunga il più importante,riguardante il rispetto delle regole o, meglio,a chi compete in uno stato di diritto veramente tale far rispettare le regole. Senza ombra di dubbio al cosiddetto tutore dell’ordine, che però quando per cultura o altro non vede in modo massiccio ciò che dovrebbe vedere e verbalizzare dovrebbe passare fra la categoria dei tutori del disordine. Un commerciante della città di Muensternella Westfalia (Germania) se la prenderebbe con i tutori dell’ordine che non fanno rispettare il divieto di sosta per le macchine o che non fanno rispettare l’obbligo di scendere dalla bicicletta in certe zone del centro abitato. Da quelle parti, comunque, la polizia chiamata interverrebbe subito con relativa sanzione amministrativa verso il trasgressore, senza guardare in faccia a nessuno A Piedimonte Etneo sembra invece cheil commerciante se la prenda col cittadino che pretende il rispetto delle regole, soprattutto in qualità di utente della strada in quanto una macchina in divieto di sosta o fermata potrebbe essere la causa anche di un grave incidente, e fotografa l’illegalità per avere la prova nel caso qualche incivile lo denunciasse o pretendesse il ristoro del danno all’immagine sostenendo il fatto che la sua macchina non era in divieto di sosta, portando magari in giudizio un testimone falso a suo favore,visto che tali testimonianze sembrano raggiungere in Italia almeno la bella cifra dell’83%. Ipotizzando infine il fatto che a Piedimonte Etneo sia diffusa la cultura del non rispetto dei seguenti divieti di fermata e di sosta: nel centro abitato,sulla corrispondenza delle aree di intersezione e in prossimità delle stesse a meno di 5 metri dal prolungamento del bordo più vicino della carreggiata trasversale; sui passaggi ed attraversamenti pedonali, ecc., sorge la domanda sulla competenza a pretendere il far rispettare, naturalmente in modo massiccio, le regole dello Stato di diritto? Anzitutto al comandante dei vigili urbani, e quando detto tutore dell’ordine non fa quanto dovrebbe, allora il sindaco dovrebbe tirargli le orecchie e, se questo non serve, arrivare a provvedimenti disciplinari. Ma siamo matti? In simili ipotizzate situazioni il sindaco che pretendesse il rispetto massiccio delle regole non verrebbepiù rieletto in quanto andrebbe appunto contro la diffusa cultura dell’elettorato.GIORGIO BALESTRINI

Admin
Admin

Numero di messaggi : 374
Data d'iscrizione : 16.11.07

Vedi il profilo dell'utente http://protagonisti.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: «Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  zappeddu i campagna il Dom 29 Mag - 10:34

e che comunque tutto nasce dall'inciviltà di tutti noi credo che la cosa sia palese. Per esempio nell'incrocio tra la macelleria e la pescheria, tutti dobbiamo per forza lasciare l'auto a meno di 5 metri, anche se si potrebbe lasciare vicino la piazza Matteotti (stiamo parlando di non più di 100 metri a piedi). Per quanto riguarda il mancato intervento dei tutori dell'ordine, vedo che vengono sempre messi i preavvisi di mancata esposizione del tagliando di posteggio, ma appena i vigili urbani vanno avanti, questi foglietti stranamente spariscono, ma non le auto ne tanto meno vengono esposti i tagliandini a pagamento. Oppure qualche furbetto sposta l'auto di qualche metro e si ricomincia. E se i vigili si azzardano a fare multe (anche dopo intere giornate di posteggio illegale) ecco che succede il finimondo... Forse sarebbe ora di far intervenire qualche carro attrezzi.

zappeddu i campagna
membro

Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 27.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: «Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  lit il Lun 30 Mag - 0:40

Mi permetterò di intervenire.
Non ho mai nutrito un forte interesse su come vengano rispettate o meno le norme del codice della strada, specialmente quando la rilevanza e l'importanza delle medesime è di poca valenza per la collettività. Ad ogni modo, gestendo da anni la piattaforma informatica del SammyBlog, posso largamente smentire qualsiasi identificazione o fotografia ritraente persone e soggetti NON consenzienti nelle foto di Sam nella Sezione Parcheggi (Parking).
Tale mia attenta vigilanza e al di sopra di ogni parte, in quanto credo che sia utile evitare ogni attacco personale e diretto con terze persone al fine di una corretta convivenza civile.
Convivenza civile che sicuramente non è gradita, convivenza civile che forse non viene rispettata per intero, ma poco importa.

Se di buon senso dobbiamo parlare allora facciamolo. Cosa ci costerà a noi Piedimontesi, e parlo di Piedimonte ma potrei parlare di qualsiasi altro luogo, rispettare il 70% delle norme del codice della strada.
Parcheggiare sulle strisce...perché quando puoi farlo due metri dopo magari.... E perché sostare selvaggiamente in alcuni punti cardine del paese, solo per fare gli acquisti? Cosa costa fare due passi a piedi? E' pigrizia o incuria?
Cosa costa volere un paese più vivibile?
Costa forse tanto, viste le reazioni poco civili. Ma oltre costare tanto denota un senso di scarsa sensibilità. Un ragazzo che deve attraversare sulle strisce per esempio e le trova ostruite??? E un disabile o una persona anziana che vuole utilizzare una rampa (abbattimento barriere architettoniche che noi tutti abbiamo pagato). Ma poi una donna con il passeggino avrà il piacere di poter portare a passeggio la propria creatura senza le difficoltà che potrei anche, con scarsa convinzione, tollerare in una grande Metropoli. In un grande centro urbano come è Catania, dove la frenesia, dove lo stress, l'inciviltà sfugge da ogni controllo, ma non a Piedimonte. Io sono fiero di essere un Piedimontese e amo il mio paesino tranquillo. Basterebbe poco per renderlo unico e speciale, ma altresì ancora meno per farlo apparire banale e incivile.
Si deve solo scegliere se seguire il buon esempio o il cattivo esempio. Fatta la scelta che si ritiene più opportuna ognuno trarrà le proprie riflessioni.


Concetto Barone
avatar
lit
membro

Numero di messaggi : 144
Localizzazione : Piedimonte Etneo
Data d'iscrizione : 23.11.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.ltnblog.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: «Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  Sammyblog il Mer 1 Giu - 8:28

I poveri pedoni abbandonati








Sam Barone

Tutte le foto delle auto posteggiate sulle strisci pedonali..Sono stati
eliminati da facebook..Quelli posteggiatori abusivi possono stare
tranquilli..Ricordati che tutti le foto delle auto posteggiati nei
strisci pedonali..AVEVANO IL NUMERO DELLA TARGA CANCELLATA..Cosi
nessuno veniva multato…Queste foto erano per sensibilizzare cittadini
che sono corretti…E ancora rispettano la legalità, come anche il
diritto degli altri..CHE SONO I PEDONI..inclusi vecchi, e bambini.. Che
cosi possono traversare la strada in una certa sicurezza..Purtroppo
sembra che la nostra presente società non vuole la legalità, e la
trasparenza d’essere evidenziata..Si spera che in tempo la presente
società riconosce da rispettare, e da fare rispettare i diritti dei
poveri pedoni..E da lasciare i strisci pedonali liberi..Che non sono un
posteggio da convenienza..Anche se tanti si considera d’essere dei falsi
invalidi..Che crede che i strisci pedonali sono un posteggio per la
loro invalidità da sfruttare..Sicuramente ognuno pensa per se, e non per
il prossimo.

Sammy, from Sicily..

Sammyblog
membro

Numero di messaggi : 275
Età : 80
Localizzazione : Piedimonte Etneo
Data d'iscrizione : 14.02.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: «Dalla ragione al torto la legalità messa in discussione»

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum